2004 – Fioretti cappuccini

Racconti storici di un’altra storia. Fioretti cappuccini, Milano, Edizioni Rosetum (Myricae franciscanae 1), 2004, pp. 62 + pp. 9 di illustrazioni f.t.

 

Fioretti cappuccini, Copertina
In copertina: Constitutiones Albacinenses, 1529, da Constitutiones Antiquae, Editio anastatica, Roma, Curia Generalis OFMCap., 1980

 

 

Presentazione

Clemente VIII, il 3 luglio 1528, a Viterbo, concesse a frate Ludovico da Fossombrone la bolla di fondazione dei frati minori cappuccini: riforma promossa da alcuni membri dell’Ordine dei frati minori osservanti. La barba, incolta, e il saio col cappuccio che serviva a ripararsi dal freddo, erano tra i segni esteriori di questi “capucciati”. Ma era la loro stessa vita a farli apparire “di un altro mondo”: dalla povertà concreta, penosa, ai “corpi scavati”. Fecero impressione. E tra il tenore di vita “disperato” – nel segno degli stenti – e la disponibilità verso i poveri, nacquero i “fioretti”: episodi tra realtà e fiaba, in cui la realtà supera la fantasia. I “fioretti” sono soprattutto, infatti, reali comportamenti basati su precise norme di vita dei frati cappuccini d’una volta: comportamenti, episodi e fatti che sono nelle fonti antiche (tra la metà dei sec. XVI e XVII) che qui vengono riproposte con fedeltà ma con parole moderne. Sono invece, in genere, invenzione dell’Autore i dialoghi che si leggono in questo agile e piccolo libro, intesi a vivacizzare gli episodi narrati.

Lascia una risposta